Spètta che te conto... Passaparòea [di Dante Callegari] di Sismondi Editore

€ 12,00

Descrizione

Opera vincitrice del primo premio "Livio Ferrari in diaeto veneto 2010" - Sezione volume di poesia/racconti.

L'antico e variegato dialetto Trevisano, diviso per pronuncia ed idiomi dal Piave, è definitivamente archiviato nel museo dei ricordi. Ciò nonostante, ogni volta che viene riesumato incontra sempre curiosità ed interesse anche perché per sua natura è gioioso, scherzoso, musicale. Suscita ilarità perché esalta espressioni e modi di dire rendendo importanti anche le cose semplici che purtroppo oggi non hanno più pregio.

E' una raccolta di piccole storie allegre fondate su realtà vissute tanto tempo fa nelle zone di Ponte di Piave, Vedelago, Castelfranco, Spresiano, Castelminio, San Marco, Resana, Trevignano, Villorba, Treviso…

Il testo dissacra il dialetto Trevisano "colto", anche perchè nelle campagne del Trevisano il dialetto "colto" non si parlava affatto...

I brani contenuti nei due libri di cui si compone l’opera sono magistralmente scritti con la simpatia di chi racconta con un bicchiere in mano, ad un amico, allegri quadretti della quotidiana semplicità della gente veneta. Vengono anche descritte ricette della cucina tradizionale Trevigiana, ma queste ricette non sono che il pretesto per testimoniare in modo scherzoso la maniera di esprimersi della gente di campagna.

Per i neofiti della letteratura dialettale è stato inserito in ciascun volume un semplice glossario, ma dopo la lettura delle prime pagine non risulterà più necessaria la consultazione.

Il volume ha un quadruplice patrocinio:

REGIONE VENETO

PROVINCIA DI TREVISO

ASSOCIAZIONE VENETI NEL MONDO

ASSOCIAZIONE TREVISANI NEL MONDO

***

Tànt par inscominsiàr

Disòn le robe come le stà, tanto par no’ fàr confusiòn: ‘na volta la zènte de dequà del Piave no’ la se capiva co’ la zènte de delà del Piave.

Parcòssa disarè vù. L’è parchè in t’a le campagne de Traìso la zènte la parlèa da ‘na parte in t’à ‘na maniera e da cheàltra in t’à n’altra ancora e bòn par lòri che almànco in ostarìa tùti i se capìa!

Par esempio: “fèmo” che sarìa fàr insieme calcòssa, se pòl dìr: “fèm”, “fassèmo”, “fòn o fòne”, “fassòn o fassòne” e cussì par tante altre paròe ancora.

Co’ ‘stà storia, no’ savarìa gnànca mi dìrve quèl ch’el jèra el dialèt uffiziàl, ànca parchè essendo vissùo a Spresiàn, a Pònte, a Vedeàgo e a Carità, tànt par restàr vissìn Traìso, par mi dìr: disèm, disèmo, disòn o disòne, xè la stessa roba.

Quèl che fassèva (fasèa, fèva, fèa, fàva…) pì bèl el nostro dialèto el jèra ànca quèl invarigolamènto dèla lèngua che, vòtu par tradissiòn, vòtu par quèl tantìn de sciarìna che dopo dò litri de vin la te vegnìa, la te fèva dìr par esempio: “brithichèta” invèsse che “biciclèta”.

Co’ ‘stè premesse dovarè aver ‘na poca de passiènsa e mi sercarò de fàrme capìr mèjo che pòde, ma se ve cònto el vìvar dèla campagna de un tempo, co’ un dialèt tùt leccà, capirè ànca vù che la storia no’ la sarìa pì quèla!